THE CINEMATIC ORCHESTRA

«Un film è – o dovrebbe essere – più come la musica che come finzione»  Stanley Kubrick.

Prendendo ispirazione da questa citazione, i Cinematic Orchestra creano componimenti musicali che aspirano ad essere la riproduzione sonora delle immagini e della storia che un film racconta.

Mi sono imbattuta nelle loro opere, banalmente, grazie alla colonna sonora della pubblicità di un profumo e, come tutti oggi, l’ho ricercata su You Tube, rimanendo letteralmente stupita dal risultato della ricerca. Questo gruppo di visionari è composto come una classica orchestra da concerto di capodanno, ma la ricchezza della loro musica e la varietà di stili la portano lontano dall’essere scambiata per la Filarmonica di Vienna. Sorprende trovare opere di musica post-rock o soft-rock, accanto a componimenti classici come la famosa “Arrival of the birds”. Ma la bellezza sta proprio nel mescolare strumenti che si usano da secoli con l’elettronica!

La compresenza di più stili, insolitamente mescolati, può esser paragonata al miscuglio di errori e volontarie variazioni notate da Baricco nell’ascolto della Wanderer Fantasie di Schubert maestralmente suonata da Sviatoslav Richter, che portò lo scrittore a definire quella interpretazione come una Guernica al pianoforte, nel libro “Barmum”.

L’ascolto di questi fantastici inventori di ibridi musicali è doverosamente consigliato, soprattutto in freddi giorni di pioggia!

Annunci