LE FATE IGNORANTI

Antonia e Massimo, professionisti affermati, sono sposati felicemente da dieci anni e non hanno figli.
La tragica quanto improvvisa morte del marito è un fulmine a ciel sereno per Antonia, che cade in depressione e si chiude nel proprio dolore, rifiutando il conforto offertole dalla madre, con cui ha sempre avuto un rapporto difficile.

Un giorno, frugando tra gli oggetti personali del marito, s’imbatte in un quadro con una dedica sul retro: “A Massimo, per i nostri sette anni insieme; per quella parte di te che mi manca e che non avrò mai; per tutte le volte che mi hai detto ‘non posso’ ma anche per tutte quelle che mi hai detto ‘ritornerò’… Sempre in attesa, posso chiamare la mia pazienza amore? La tua fata ignorante”.

La scoperta della relazione extraconiugale è un ennesimo, durissimo colpo per la donna, che però è determinata ad andare fino in fondo; decide di rintracciare l’amante del marito con il pretesto di restituirle il dipinto e affrontarla.
Le sue ricerche hanno un esito inaspettato: la persona con cui Massimo la tradiva da anni si rivela essere niente meno che Michele, rivenditore ortofrutticolo ai mercati generali.
L’uomo in un primo momento si mostra decisamente ostile nei confronti di Antonia e respinge ogni suo tentativo di instaurare un rapporto civile, ma la testardaggine della donna ha la meglio e ben presto i due cominciano a frequentarsi. Michele le presenta i suoi amici più cari, con cui organizza pranzi faraonici nella bellissima terrazza del suo appartamento: Serra, impicciona dal cuore d’oro, Luisella, cassiera sfortunata con gli uomini, Riccardo e Sandro, che non stanno insieme ma forse potrebbero e Mara, giunonica transessuale in procinto di operarsi. C’è anche Ernesto, malato di HIV, che aspetta invano il ritorno del suo grande amore.

L’amicizia paradossale che nasce tra la moglie e l’amante sconcerta Michele, che non capisce cosa voglia da lui Antonia; la relativa facilità con cui è entrata nella sua vita lo confonde, le sue continue domande lo infastidiscono. Per la donna invece è l’occasione di entrare in contatto con un aspetto della personalità del marito a lei sconosciuto -un modo come un altro per mantenerne viva la memoria, non dimenticarlo. E subdolamente, senza che abbiano il tempo di accorgersene, la loro relazione si tinge di ambiguità, fino a quando…

Le fate ignoranti è un film sull’amore -omosessuale e non, manifesto o meno, platonico o carnale poco importa: l’unica cosa certa è che, prima o poi, bisogna sempre farci i conti.

“Che stupidi che siamo. Quanti inviti respinti, quante parole non dette, quanti sguardi non ricambiati. Tante volte la vita ci passa accanto e noi non ce ne accorgiamo nemmeno.”

Annunci