LA POESIA DEL DIALETTO

Non è facile far vivere la propria lingua attraverso la musica uscendo da un contesto tipicamente folkloristico (non dico “provinciale” perché la connotazione sarebbe negativa e non è questo il mio intento). E per lingua intendo quella della propria terra, in questo caso la terra “arsa e rossa/ terra di sud/ terra di confine/ terra di dove finisce la terra”: la Sicilia. Può non piacere per il suo stile melodico nella musica e spavaldo nelle parole ma lei, Carmen Consoli, è riuscita a farlo. Ha permesso al siciliano di varcare i confini regionali, in particolar modo con uno dei suoi ultimi lavori, una sfacciata ballata che dice molto di più di quello che si crede.

 -Sugnu sempri alla finestra e viru genti ca furria pà strada
Genti bedda, laria, allegra, mutriusa e siddiata Genti arripudduta cu li gigghia isati e a vucca stritta
“Turi ho vogghia di quaccosa, un passabocca, un lemonsoda”
Iddu ci arrispunni: “Giusi, quannu ti chiamavi Giuseppina, eri licca pà broscia cà granita”
“Turi tu n’ha fattu strada e ora che sei grosso imprenditori t’ha ‘nsignari a classi ‘ntò parrari”

Sugnu sempre alla finestra e viru genti spacinnata, sduvacata ‘nte panchini di la piazza, stuta e adduma a sigaretta, gente ca s’ancontra e dici “ciao” cu na taliata, genti ca s’allasca, genti ca s’abbrazza e poi si vasa, genti ca sa fa stringennu a cinghia, si strapazza e non si pinna, annunca st’autru ‘nvernu non si canta missa, genti ca sa fa ‘lliccannu a sadda, ma ci fa truvari a tavula cunsata a cu cumanna

Chi ci aviti di taliari, ‘un aviti autru a cui pinsari almeno un pocu di chiffari
“Itavinni a travagghiari” vannia ‘n vecchiu indispettitu, “avemu u picciu arreri o vitru”
Jù ci dicu “m’ha scusari, chista è la me casa e staju unni mi pare”

La domenica mattina dagli altoparlanti della chiesa a vuci ‘i Patri Coppola n’antrona i casi, trasi dintra l’ossa “piccaturi rinunciati a ddi piccati di la carni quannu u riavulu s’affaccia rafforzatevi a mutanna” Quannu attagghiu di la chiesa si posteggia un machinone scinni Saro Branchia detto Re Leone Patri Coppola balbetta e ammogghia l’omelia cu tri paroli picchì sua Maestà s’ha fari a comunioni

Chi ci aviti di taliari, ‘un aviti autru a cui pinsari almeno un pocu di chiffari “Itavinni un pocu a mari”, vannia un vecchiu tintu “accussì janca mi pariti ‘n spiddu” Jù ci dicu “m’ha scusari, ma picchì hati a stari ccà sutta a me casa pà ‘nsultari”

Sugnu sempri alla finestra e viru a ranni civiltà ca ha statu, unni Turchi, Ebrei e Cristiani si stringeunu la manu, tannu si pinsava ca “La diversità è ricchezza” tempi di biddizza e di puisia, d’amuri e di saggezza

Zoccu ha statu aieri, oggi forsi ca putissi riturnari si truvamu semi boni di chiantari ‘Nta sta terra ‘i focu e mari oggi sentu ca mi parra u cori e dici ca li cosi stannu pì canciari chi ci aviti di taliari ‘un aviti autru a cui pinsari, almeno un poco di chiffari Itavinni a ballari, ittati quattru sauti e nisciti giustu pì sbariari Jù ci dicu “Cù piaciri, c’è qualchi danza streusa ca vuliti cunsigghiari!?”-

 Uno dei poteri del dialetto risiede proprio nella capacità di dire non dicendo o sfruttando espressioni tipiche per spogliare i toni della loro aura polemica e rivestirli di ironia, creando un’immagine dal sapore agrodolce. Una volta ascoltata la canzone ci si immagina questo scenario di una paesino catanese dove basta una finestra, magari al primo piano per avere una visione globale di ciò che accade. Cosa racconta Carmen? Ma soprattutto che parole sceglie? Racconta l’ignoranza della borghesia arricchita, di una Giuseppina ora Giusy (con la “y” come specifica in un incontro con i suoi fans a Milano) prima licca’ (golosa) di granita, ora solo di lemonsoda che-fa-chic-americano. Racconta la miseria di persone che stanno stringennu a cinghia, ‘lliccannu a sadda, letteralmente“leccando la sarda” il pesce dei poveri, per farlo durare più a lungo ma che fanno truvari a tavula cunsata (apparecchiata, ma inteso “apparecchiata nel migliore di modi”) a cu cumanna. Racconta con un velo di irriverente sarcasmo la vicenda di un prete che ostenta sicurezza e rigore di fronte al suo gregge di peccatori, ma che balbetta e ammogghia l’omelia cu tri paroli picchì sua Maestà, Saro Branchia, s’ha fari a comunioni. Racconta di un vecchiu tintu che impicciandosi degli affari della donna affacciata alla finestra (alter ego di Carmen) dà a lei dell’impicciona sfaticata. Ma, proprio grazie al fatto che sia in siciliano, il battibecco non sfocia in alterco ma assume la forma di una tenzone in cui i due si sbeffeggiano divertiti. Tra composizioni armoniche splendide e doti canore non indifferenti, la Consoli grazie al dialetto catanese proietta davanti agli occhi di chi ascolta la canzone un cortometraggio di un epoca che fu ma che in realtà ancora è.

19330_19330

Annunci